SCHEDA DI SINTESI

Traccia n. 387 - Fra Roccagiovine e Monte Guardia

   

Punto di partenza: Roccagiovine
Distanza da Roma: 50 km
Lunghezza: 24 km
Ascesa accumulata: 960 m
Quota massima: 1250 mslm
Autore:
P&G

TRACCIA GPS

FOTO


 

Descrizione:
Itinerario impegnativo nei monti Lucretili fra Roccagiovine, sella del Pellecchia e Monte Guardia con numerosi tratti di spingismo (circa 1 ora in totale). Si parte dal parcheggio di Roccagiovine percorrendo una strada secondaria asfaltata in leggera discesa. Si passa accanto ai ruderi della villa di Orazio ed al ninfeo degli Orsini. Ci si immette sulla provinciale ma dopo 800 m, in corrispondenza del centro visite del Parco, si prende la pista in salita. Intorno ai km 4,6 si incontrano 2 ripide rampe non pedalabili che suggeriscono la tipologia del giro. Si sbuca poi sulla sterrata del Pellecchia che si percorre senza particolari difficoltà fino alla sella. Si continua in discesa e poi in salita su prato. Dove inizia la pista in discesa per Monteflavio si gira a sinistra su sentiero segnato verso il casale Capo di Porco. Si riesce a pedalare abbastanza salvo alcuni tratti con sassi e rocce sporgenti. Nella valletta sotto il casale si incontra una pista, inizialmente pedalabile, che sale sulle pendici di Monte Guardia, un ultima rampa in forte pendenza su fondo erboso segna la fine della salita. Da qui inizia un lungo tratto, più di tre km, su sentiero stretto, circondato da molti rovi, dal fondo in molti punti sassoso. Occorre spingere la bici anche in discesa e solo sporadicamente si riesce a stare in sella per qualche decina di metri. Merita una sosta il prato di Fonte Campitelli. Solo verso il termine del selvaggio fosso di Vena Scritta si trova un buon fondo compatto e scorrevole. Dal Prato delle Forme si prende la sterrata, molto rovinata, verso Roccagiovine. Giunti al ristorante “il castagneto”, invece della strada asfaltata che abbiamo percorso, si stacca sulla sinistra un sentiero in discesa che arriva al cimitero di Roccagiovine.